Adv immobiliare: quali canali scegliere?

adv immobiliare
Condividi

Per il settore immobiliare il servizio di pubblicità è da sempre di primaria importanza. Trattandosi di un mercato molto complesso e con target specifici, l’ adv immobiliare segue delle regole proprie. Per quanto possa sembrare un settore ancora legato alla tradizione, il real estate è al centro di una vera e propria rivoluzione, che riguarda anche la sua comunicazione. I mezzi e i modi con cui intercettare il pubblico di riferimento sono in continua evoluzione. Ecco perché affidarsi a un’agenzia specializzata nella pubblicità immobiliare rappresenta un investimento oculato e intelligente.

Uno dei pionieri del marketing contemporaneo ha reso celebre, in maniera pungente e provocante, la spesa pubblicitaria. John Wanamaker, uomo d’affari statunitense, diceva infatti: “metà dei soldi che spendo in pubblicità è sprecata, il problema è che non so quale metà sia”. Questo è il grande dilemma che attanaglia ogni imprenditore immobiliare, che sia un costruttore o un’agenzia: quanto costa l’adv immobiliare? E quali sono i suoi risultati?

Servizio di pubblicità immobiliare: una questione di precisione

Investire dei soldi e poi non ottenere i risultati sperati è una dinamica spiacevole in ogni settore. In particolare, il real estate è molto sensibile alla questione, perché in gioco ci sono immobili dal valore economico importante. Ecco perché nella compravendita immobiliare la spesa pubblicitaria deve essere controllata nel minimo dettaglio.

Per un servizio di pubblicità immobiliare adeguato è necessario essere chiari fin da subito. Sin dal primo momento vanno stabiliti con precisione budget e obiettivi. Sulla base di questi due parametri si potrà sviluppare un piano pubblicitario su misura. La cosa importante è un monitoraggio costante dei risultati parziali, in modo da intervenire per tempo con i giusti correttivi.

Perché affidarsi ad un’agenzia di comunicazione per l’adv immobiliare

E qui entra in gioco tutta l’esperienza nella pubblicità immobiliare. Come detto si tratta di un campo molto particolare, con un pubblico di riferimento specifico per ogni iniziativa. Avrebbe poco senso rivolgersi ad un pubblico generico: un messaggio per tutti è un messaggio che non raggiunge nessuno. Per una agenzia immobiliare, un’impresa edile, un costruttore, affidarsi ad un’agenzia di comunicazione per la pubblicità è una scelta saggio perché permette la giusta divisione dei compiti.

Le iniziative immobiliari sono molto complesse, richiedono tempi lunghi e grande dispendio di energia. Può dunque risultare difficile seguire anche la parte relativa alla comunicazione. Eppure, senza la giusta comunicazione nessun progetto sarebbe in grado di decollare. Le agenzie di comunicazione esperte nel settore sapranno su quali canali puntare, che target è meglio raggiungere, come veicolare il messaggio nella maniera più adeguata. Soprattutto adesso che la comunicazione immobiliare passa sempre di più dall’online. L’utilizzo dei nuovi media, con i loro strumenti, è diventato fondamentale per la pubblicità immobiliare.

Gli obiettivi del Digital marketing immobiliare

Questo non significa che i media tradizionali siano da escludere a priori. Il settore immobiliare è ancora molto legato alla carta stampata per esempio. Ma tanto i giornali quanto la televisione hanno dei limiti che i nuovi mezzi permettono di superare. È difficile sapere con precisione quante persone abbiano visto uno spot o abbiano letto la pagina di giornale dedicata all’annuncio immobiliare. Queste misurazioni sono possibili, in maniera precisa e puntuale, con la pubblicità online. Tanto sui social quanto su Google, per esempio, è possibile controllare in maniera dettagliata l’andamento delle inserzioni.

Ecco perché un piano di pubblicità immobiliare online deve essere flessibile o impostato su più fasi. Elastico, per poter intervenire prontamente e attuare i necessari miglioramenti. Progressivo perché gli obiettivi variano a seconda del momento. In prima istanza sarà necessario catturare l’attenzione, generando traffico sul sito o aumentando l’esposizione dei propri messaggi. Non bisogna però farsi illudere e cadere nelle cosiddette vanity metrics. I numeri spropositati di visualizzazioni o esposizioni non sono l’obiettivo ultimo, ma sono funzionali nell’andamento della campagna pubblicitaria. La pubblicità immobiliare deve essere finalizzata alla lead generation. Lo scopo finale dovrà essere quello di generare lead, ossia raccogliere contatti di qualità che poi effettueranno la conversione, qualunque essa sia. Un’agenzia immobiliare vuole fissare gli appuntamenti; un costruttore vuole vendere le case; un privato vuole acquistare un immobile. Un’agenzia di comunicazione esperta nel servizio di pubblicità immobiliare sarà in grado di far raggiungere questi obiettivi, scegliendo i canali più adeguati e creando i messaggi giusti per raggiungere il pubblico di riferimento. Il tutto rimanendo all’interno del budget fissato inizialmente.


Condividi