Andamento mercato immobiliare Bologna: quali sono gli appartamenti più cercati?

Andamento mercato immobiliare Bologna
Condividi

Com’è l’andamento del mercato immobiliare a Bologna? Quali sono gli appartamenti e le tipologie di case più cercate dagli utenti su Google? Com’è cambiata la situazione immobiliare e abitativa?

Il mercato immobiliare in Italia sta attraversando una forte fase di crescita dopo i mesi bui della pandemia. Questo grazie all’implementazione dei servizi digitalizzati, con la ricerca immobiliare online sempre più comune e quotidiana. A tal proposito sono interessanti i dati di queste ricerche sulle grandi città, che danno una panoramica generale dei cambiamenti a livello nazionale.

I dati delle ricerche online permettono di capire e anticipare le tendenze del mercato immobiliare. Una fonte di suggerimenti e consigli davvero fondamentale per agenzie, imprese edili e costruttori. Soprattutto in mercati storicamente attivi e vivaci come quello bolognese. Non è un mistero, infatti, che il Covid abbia cambiato le carte in tavola, facendo emergere nuovi bisogni e nuove necessità. Queste esigenze si possono catturare proprio dalle ricerche immobiliari online, che mostrano un panorama completamente diverso rispetto al 2019.

Andamento mercato immobiliare Bologna: la ripresa

Bologna è al centro della ripresa del mercato immobiliare nazionale. I dati mostrano infatti come, a livello nazionale, il secondo trimestre del 2021 abbia visto un aumento delle compravendite del 73,4% rispetto al 2020. E se questo aumento è facilmente riportabile al lockdown e all’emergenza sanitaria, è bene osservare come la crescita riguardi anche il rapporto con il 2019. Rispetto allo stesso lasso di tempo, infatti, le transazioni sono cresciute del 26,1%. Segno che il Covid ha instaurato un nuovo desiderio di casa, con nuove modalità di ricerca e compravendita, spostate oramai su Internet.

Come si posiziona Bologna in questo contesto? L’aumento delle compravendite nel capoluogo emiliano supera il 40%, segnando il trend positivo delle grandi città. Tra le metropoli italiane, infatti, la media di miglioramento è stata del 14%. Bologna, dunque, innalza questo livello. Non solo per l’acquisto della prima casa ma anche come investimento immobiliare. Bologna si conferma città strategica e fulcro di interesse per il settore del mattone.

I tagli degli appartamenti più cercati a Bologna

Per quanto riguarda le tipologie di abitazioni più ricercate, Bologna si allinea alle altre grandi città italiane. Il trilocale rappresenta, infatti, il taglio di appartamento più cercato, concentrando quasi il 35% delle compravendite.

Il lockdown ha lasciato strascichi importanti nella vita delle persone, soprattutto per quanto riguarda le esigenze abitative. Le ricerche immobiliari online fotografano questo cambiamento in maniera impeccabile. C’è stato un netto calo dei tagli piccoli, tra i 25 e i 50 mq, con una decrescita di interesse del 12%. In corrispondenza sono invece nettamente aumentate le ricerche per le abitazioni più grandi, come quadrilocali (+38%, seconda categoria più cercata) e le ville (+154%, issandosi così al terzo posto). Questo testimonia la volontà e la necessità di spazi ampi, indipendenti, con soluzioni verdi e aree green nelle vicinanze. La metratura 100-150 metri quadri è infatti la seconda più cercata, dietro solo a quella standard dei trilocali

Ricerche immobiliari online a Bologna

Il grande cambiamento portato dalla pandemia nel settore immobiliare riguarda la modalità di ricerca della casa. Anche per le ricerche immobiliari lo strumento di riferimento è diventato Internet. Per questo è molto interessante conoscere l’andamento delle ricerche immobiliari online a Bologna, cercando di leggere i cambiamenti e i trend portati dalla digitalizzazione della ricerca.

Uno studio di settore condotto da ARvis.it, Agenzia SEO di Roma e Milano, offre una panoramica delle ricerche immobiliari online a Bologna degli ultimi 24 mesi, permettendo di confrontare pre e post COVID. Da questa analisi emerge il bilocale come appartamento più cercato per le query correlate alla vendita, mentre per l’affitto domina il monolocale. Proprio questo taglio mette in mostra il cambiamento portato dalla pandemia. Essendo Bologna una città universitaria e giovane, anche dal punto di vista lavorativo, il monolocale in affitto ha subito un crollo di ricerche nella primavera del 2020. Quando la situazione si è stabilizzata, il volume di ricerca è tornato molto elevato, soprattutto con l’avvicinarsi del nuovo anno accademico: a settembre 2021 sono state registrate oltre 6.000 ricerche online.

Trilocale a Bologna nelle ricerche online

Tra le tipologie di appartamento, anche il trilocale ha visto aumentare il volume di ricerche dopo la pandemia. Se tra marzo e maggio del 2020 c’è stato un crollo di interesse, un anno dopo c’è stato un picco, con oltre 1000 query correlate al trilocale in vendita a Bologna. Questo volume di ricerca non era mai stato raggiunto in precedenza e dimostra come le restrizioni abbiano influito sulle rinnovate esigenze abitative.

Anche per l’affitto l’andamento delle ricerche online è stato influenzato dal Covid. Nei primi mesi di pandemia, dopo un inevitabile calo, c’è stato un aumento di ricerche online, segno che le persone avrebbero voluto trascorrere il lockdown in spazi più ampi. Lo stesso aumento del volume di ricerca si è registrato a cavallo tra 2020 e 2021, in concomitanza con la seconda ondata.

Andamento prezzi case a Bologna

Per quanto riguarda i prezzi, i costi sono più o meno rimasti stabili. Il picco si è toccato nell’agosto del 2020, per poi ritornare ai livelli standard per il mercato bolognese. Per gli acquisti si va dai 1750€ al 4850€ al metro quadro. Per gli affitti, la fascia di prezzo più ricercata è quella tra i 400 e i 600 euro al mese, con un +132% delle ricerche.

Dove vivere a Bologna: i quartieri e le zone

Un grande cambiamento riguarda le zone di interesse. Come detto, le restrizioni hanno cambiato le esigenze delle persone, alla ricerca di spazi verdi e di maggior contatto con la natura. Si spiega così la crescita verso Mazzini – Foscolo, zona lontana dal centro e con aree verdi a portata di mano. Sotto la lente di ingrandimento anche Bolognina, Navile e Corticella, quartieri in continua espansione e sempre più ricchi di servizi, che presentano anche un’occasione di risparmio. Questa tendenza è ben rappresentata dal calo di interesse verso Murri, che rispetto allo scorso anno ha perso 3 posizioni nella classifica delle zone più ricercate. Proprio la mancanza di spazi verdi segna la vera discriminante nelle ricerche immobiliari online a Bologna, così come nel resto d’Italia.


Condividi