Come strutturare un sito web immobiliare

sito web immobiliare
Condividi

Il mondo di internet pullula di portali immobiliari e siti dedicati al settore immobiliare. Com’è possibile, allora, riuscire ad inserirsi ed emergere in questo contesto? Quali sono le caratteristiche e gli elementi che non possono mancare in un sito web immobiliare?

Dal momento che la ricerca di casa, tanto per vendere quanto per acquistare, si è spostata online, avere un sito web ben costruito è fondamentale. Troppo spesso però i portali risultano scarni o, al contrario, di difficile navigazione: un insieme di annunci e notizie disordinate che creano l’effetto di una vetrina non curata.  E non c’è nulla di più sbagliato!

Il sito web, infatti, rappresenta il biglietto da visita online di un’agenzia immobiliare  o un’impresa di costruzione. Questo vale per qualunque settore e industria: quando si sente un nome o si viene a conoscenza di un’iniziativa, la prima cosa che si fa è cercarla su Google. I risultati di ricerca dicono già tanto sull’argomento, per la loro posizione e le descrizioni che compaiono già a partire dalla SERP. Ma è una volta entrati nel sito che bisogna fare la differenza, garantendo una user experience ottimale e godibile.

Le caratteristiche dei portali immobiliari

L’aspetto fondamentale, tanto banale quanto difficile da realizzare, è la navigabilità del sito. Il portale deve essere facilmente fruibile, chiaro e lineare. Anche e soprattutto da dispositivi mobili: oltre il 95% del traffico su Internet avviene da mobile. Quindi è importante che il sito sia responsive, cioè si adatti alle dimensioni del dispositivo dal quale viene visitato.

Ma come si garantisce questa facile navigabilità? Ovviamente non c’è una risposta univoca, e molto dipende dal tipo di sito in questione. C’è una grossa differenza tra un portale immobiliare che faccia da semplice raccolta di annunci ed un sito dedicato ad un nuovo progetto, basato solo ed esclusivamente su di esso. L’importante è che per entrambi ci sia un menù chiaro, di facile accesso e facile lettura. L’idea è quella di fornire all’utente una sorta di indice grazie al quale potersi orientare tra le varie pagine del sito, potendo accedere direttamente a quella a cui è più interessato.

Questo significa organizzare il sito per categorie, che sono sia quelle delle varie abitazioni sia le altre sezioni del sito, per esempio il blog, i contatti o una parte interamente dedicata alla zona e al contesto.

Local SEO e immagini di qualità

Come detto il web è sempre più saturo di siti e portali immobiliari. Per questo è bene riuscire a farsi trovare nelle prime posizioni dei risultati di ricerca. I dati mostrano come la maggior parte del traffico si concentri nei primi cinque risultati della SERP. Questo significa che non solo il sito dovrà essere ottimizzato SEO, ma l’ottimizzazione andrà fatta in chiave local. In questo modo sarà possibile diventare un punto di riferimento per la specifica zona di competenza: una maniera semplice ed efficace per farsi trovare, andando incontro alle esigenze dei clienti.

L’altro grande aspetto del sito web immobiliare riguarda le immagini. Nel caso di annunci immobiliari  si parla di foto dei singoli appartamenti, le diverse stanze e magari la zona. Per una nuova costruzione saranno necessari dei render, tanto esterni quanto interni. E perché no, magari anche un vero e proprio appartamento campione. In entrambi i casi è importante che le immagini siano di altissima qualità. È la foto, e talvolta anche il video, quella che fa breccia nell’utente. Le planimetrie e i capitolati possono spiegare il progetto e mostrare le caratteristiche tecniche dell’abitazione, ma è l’immagine che è capace di trasmettere le emozioni. Una casa è fatta dalle emozioni che consente di provare, dai momenti magici che ci si immagina di vivere al suo interno: sensazioni che un’immagine ad alta risoluzione è capace di comunicare.

L’esempio di House at Quanta Club

Tra i tanti esempi che si possono portare di sito web immobiliare ben strutturato c’è sicuramente il nuovo progetto edilizio di House at Quanta Club. Due torri di nuova costruzione ad Affori, quartiere di Milano nord, che sorgono all’interno dell’esclusivo Quanta Club, uno dei centri sportivi più prestigiosi della città. Questo sito web ha tutte le caratteristiche finora descritte e, come spesso accade, un esempio concreto vale più di mille parole.

Aprendo il sito web si trova in alto a sinistra, ben visibile, un menù a tendina. Qui sono raccolte le pagine del sito, in maniera chiara e precisa. C’è la pagina dedicata al progetto e quella dedicata agli appartamenti con la possibilità di selezionare lo specifico taglio. Per ognuno dei 68 appartamenti è stata pensata una descrizione, sono state realizzate le apposite planimetrie e schede tecniche: il tutto completato da una ricca galleria di immagini. È presente il collegamento con il Club, perché l’unicità dell’iniziativa sta proprio nel coniugare centro residenziale e polo sportivo, con una serie di vantaggi e servizi esclusivi per i residenti. C’è una gallery, che raccoglie alcune delle migliori immagini; e poi c’è, immancabilmente, una pagina dedicata ai contatti, che permette di chiedere in maniera diretta e senza impegno ulteriori informazioni.

Particolare attenzione è stata posta ad una sezione spesso sottovalutata, il blog immobiliare. In questa parte del sito viene esposto il lifestyle proposto da House at Quanta Club, immerso tra sport e natura, ma viene anche raccontata la zona in cui le due torri sorgeranno. L’obiettivo è quello di raccontare la potenzialità e i vantaggi di Affori, quartiere ricco di servizi ma poco conosciuto. Il blog, inoltre, è scritto in ottica SEO: questo consente di produrre contenuti in grado di posizionarsi in alto nei risultati di ricerca, garantendo traffico e suscitando interesse.

Il sito di House at Quanta Club racconta il progetto, un’iniziativa unica ed esclusiva nel suo genere. Mette in mostra le nuove costruzioni a Milano : 68 appartamenti divisi in due torri dall’architettura contemporanea all’interno del centro sportivo. E lo fa garantendo una user experience ottimale: l’utente è guidato ma non forzato nel suo percorso, può scegliere autonomamente come muoversi senza mai trovarsi in difficoltà. Si tratta di un sito web completo, nella forma e nei contenuti.


Condividi