Case in affitto in Italia: quali sono i tagli più cercati?

case in affitto in italia
Condividi

Qual è la tipologia di casa più cercata per l’affitto in Italia? Cosa ci dicono le ricerche immobiliari online in merito ai tagli ricercati in affitto nelle principali città?


Il covid ha impattato il mercato immobiliare non solo per le compravendite ma anche e soprattutto per gli affitti. Una casa in affitto, infatti, è per antonomasia una soluzione temporanea e solitamente associata ad uno spostamento. In un periodo come quello della pandemia, caratterizzato da indeterminatezza e restrizioni, l’impossibilità a spostarsi e l’incertezza sugli sviluppi futuri hanno influito sulla ricerca di immobili in affitto. Un vistoso calo è avvenuto, come era prevedibile, nel 2020. Calo che però è già stato superato nel 2021, con una tendenza di crescita e sviluppo che si sta confermando in questo 2022.

Case in affitto in Italia nelle ricerche online

I dati delle ricerche immobiliari online nelle principali città italiane possono fornire una panoramica tanto locale quanto nazionale su questo settore. Se è vero che il mercato immobiliare si è digitalizzato nell’ultimo periodo, la sezione relativa agli affitti aveva già iniziato la sua transizione all’online ben prima del covid. Valutare sulla base di numeri precisi quale sia l’appartamento più cercato in affitto permette di capire l’andamento del mercato e le tendenze immobiliari post COVID.
D’altronde un immobile per l’affitto è ricercato per diversi motivi. Come investimento immobiliare, in cui si compra un’abitazione da affittare per avere una rendita garantita. Ma anche come soluzione d’alloggio temporanea, tipica di studenti e giovani lavoratori fuorisede, ma anche giovani coppie e famiglie  che aspettano il momento propizio per compiere il grande passo dell’acquisto. Capire quali tagli siano più cercati, anche in rapporto alle query relative alla vendita, permette di avere una fotografia del mercato immobiliare per l’affitto in Italia.

Il mercato immobiliare degli affitti in Italia

Prima di andare nel dettaglio delle singole città e ricavarne poi una panoramica nazionale a livello di singoli appartamenti, è opportuno osservare i numeri del mercato immobiliare degli affitti in Italia a livello più generale.

Secondo un’indagine condotta da Idealista, nel 2021 il rendimento lordo garantito da un immobile nel mercato degli affitti è del 7,8%. Una ripresa dello 0,3% rispetto al secondo semestre del 2020, mostra una tendenza che sembra destinata a riconfermarsi anche nel 2022. L’investimento immobiliare risulta quindi essere uno dei principali driver del mercato degli affitti.

A confermare questo dato di crescita c’è anche il livello dei prezzi. In Italia, il canone medio mensile è 11€ al metro quadro, con una crescita media dello 0,6% rispetto all’anno precedente. Questa crescita riguarda l’80% delle province italiane, con Milano Firenze e Bologna in netto recupero dopo mesi di difficoltà.

Case in affitto a Milano nelle ricerche online

Milano è la regina del mercato immobiliare degli affitti in Italia. Con i suoi 18,9 € al metro quadro di media, rappresenta il fulcro di questo settore del real estate. L’impatto avuto dal covid è stato notevole, con le ricerche online scese a picco tra marzo e maggio 2020.

Lo mostra benissimo il monolocale, l’appartamento più cercato nelle query relative all’affitto. A febbraio 2020 c’erano oltre 20.000 ricerche mensili, mentre a marzo e aprile le query sono scese sotto le 10.000, meno della metà. La crescita è ripartita già dal mese successivo ma in maniera altalenante. Il nuovo trend di ascesa costante è iniziato tra settembre e ottobre 2021, quando le ricerche mensili hanno nuovamente superato quota 20.000.

Un altro taglio molto cercato per l’affitto a Milano è il bilocale. La parabola è stata più o meno la stessa, ma ha riguardato anche la vendita. Proprio il confronto con le query relative alla vendita conferma il bilocale in affitto a Milano è un taglio molto apprezzato. La ripresa delle ricerche online relative all’affitto è stata, infatti, nettamente superiore.

Monolocale in affitto a Bologna: la casa di studenti e lavoratori fuorisede

Più antico polo universitario d’Italia nonché snodo cruciale nel collegamento tra Nord e Sud, Bologna è un punto di riferimento per il mercato immobiliare italiano. Città universitaria per eccellenza, dinamica e attiva, attira anche lavoratori e investitori. Non stupisce, allora, che il taglio più cercato per l’affitto sia il monolocale.

Le query correlate a “monolocale in affitto a Bologna” sono addirittura superiori alla somma di quelle per tutti gli altri tagli. Il dato più rilevante è che i volumi di ricerca post covid sono nettamente maggiori rispetto a quelli precedenti. Se prima di marzo 2020 il picco era di poco superiore alle 5.000 query, a fine estate 2021 sono state rilevate oltre 6.600 ricerche mensili. Un segno di ripresa e di fiducia, con le lezioni tornate in presenza e lo smart working ridotto.

Trilocale in affitto a Firenze più cercato rispetto a quello in vendita

Come detto in un precedente articolo, il mercato immobiliare fiorentino è contraddistinto da prezzi superiori alla quotazione media regionale. Questo dato porta a ricercare per l’affitto anche tagli grandi come un trilocale.

Nelle ricerche online, infatti, il trilocale registra volumi maggiori per l’affitto piuttosto che per la vendita. Se il picco di query per “trilocale in affitto a Firenze” supera le 500 quello per le query relative alla vendita non arriva a 400 ricerche mensili. Il confronto con la vendita è ancora più chiaro quando si guarda agli altri tagli: le query per il trilocale in vendita hanno il volume di ricerca più basso rispetto a tutti gli appartamenti.
Anche a Firenze, città universitaria e capoluogo toscano, il monolocale in affitto domina le ricerche online per l’affitto. Qui il covid ha dimezzato il volume di ricerca, passando da oltre 4.000 query a poco più di 2.000 nei mesi di lockdown del 2020. La ripresa è stata costante ma ancora non sono stati raggiunti i precedenti livelli.

Monolocale in affitto a Roma

Il mercato immobiliare degli affitti a Roma è dominato dal monolocale. Un appartamento che registra oltre 10.000 query mensili. Per capire la relazione con le altre abitazioni, basti pensare che il bilocale, secondo taglio più cercato, raggiunge a stento le 2.000 ricerche online al mese.

Allo stesso tempo, il monolocale è l’appartamento che ha visto il calo più evidente e la ripresa più alta. Dopo il minimo raggiunto a marzo 2020, con addirittura meno di 6.000 query, a settembre 2021 si è toccato un nuovo vertice, con 11.500 ricerche, oltre i volumi precedenti alla pandemia.

Questa ripresa è seguita anche dal bilocale che sempre a settembre 2021 ha superato per la prima volta le 2.000 query. Un segno che la città è nuovamente in fermento e il mercato immobiliare degli affitti guida questo nuovo sviluppo.

Bilocale in affitto a Napoli: un nuovo trend?

Anche a Napoli il mercato immobiliare degli affitti è dominato dal monolocale. Una prevalenza che le ricerche online mettono in risalto: le quasi 7.000 query relative all’affitto per il monolocale superano di sei volte le poco più di 1.000 relative al bilocale.

Il crollo dettato dal covid ha ricevuto, però, due risposte diverse per i due appartamenti. Il monolocale ha avuto un’immediata ripresa, intervallata però da altri bruschi cali e senza mai tornare ai livelli pre-pandemici. Il bilocale in affitto, invece, ha seguito uno sviluppo più costante, che l’ha portato a raggiungere un nuovo apice a ottobre 2021. Sembrerebbe essere l’inizio di un nuovo trend, da monitorare con attenzione anche a livello di investimenti immobiliari.

Affitti a Trieste tra bilocale e monolocale

Il mercato degli affitti a Trieste ha avuto un brusco calo nei mesi di restrizione che poi ha influenzato anche la ripresa. I dati delle ricerche online mostrano un’inversione di rotta per quanto riguarda il bilocale e un’incredibile coincidenza anche per il monolocale.

Da ottobre 2020 e maggio 2021, infatti, il bilocale è stato più cercato per la vendita rispetto all’affitto. Un dato sorprendente considerando i volumi di ricerca precedenti e successivi, che vedono le query per l’affitto sempre superiori.

Per quanto riguarda il monolocale, si tratta di un appartamento cercato prevalentemente per l’affitto. Eppure, a ottobre 2020 query per affitto e ricerche per la vendita hanno fatto registrare lo stesso volume. Una coincidenza che rappresenta un unicum a livello nazionale e coincide con lo stesso periodo in cui il bilocale in vendita ha superato quello in affitto. Anche qui la volontà di avere maggiore stabilità ha sicuramente influenzato le ricerche online.

Il monolocale domina il mercato degli affitti a Bari

Il mercato immobiliare degli affitti a Bari vede solo due tagli di appartamento: monolocale e bilocale, con netta prevalenza del primo. Le query correlate a “monolocale in affitto a Bari” registrano un volume di ricerca medio mensile di 12.000. In questo contesto si segnala il drop dovuto al covid, con le query scese a 600 nel mese di marzo 2020, ma anche un nuovo apice raggiunto a gennaio 2021, quando si sono superate le 14.000 ricerche. Dall’estate scorsa, inoltre, sembra esserci un trend di ripresa costante che può portare ad un nuovo volume di ricerca medio mensile, superiore a quello precedente.

Il bilocale ha avuto lo stesso andamento ma in proporzioni ancora maggiori. Se nell’ultimo trimestre del 2019 e nei primi mesi del 2020 le ricerche per l’affitto si aggiravano tra le 400 e le 500 query mensili, il covid ha segnato una svolta. Dopo i mesi di lockdown c’è stato un aumento di interesse vertiginoso, con volume di ricerca praticamente raddoppiato. Lo stesso trend, con numeri però inferiori, vale anche per il bilocale in vendita: che si tratti di una nuova tendenza abitativa?

Affitti a Palermo: domina il bilocale

La vera sorpresa del mercato immobiliare degli affitti in Italia è rappresentata da Palermo. Se in tutte le altre città il taglio più cercato per l’affitto era, prevedibilmente, il monolocale, nel capoluogo siciliano spicca il bilocale. “Bilocale in affitto a Palermo” registra un volume di ricerca quattro volte superiore al monolocale. Questo dato potrebbe essere spiegato dai valori di mercato, tra i più bassi in tutto lo scenario nazionale.

La sorpresa più grande, però, è vedere i volumi di ricerca per attico e monolocale in affitto sullo stesso livello. Nel resto d’Italia, infatti, l’attico registra query quasi esclusivamente per la vendita, con dati per l’affitto pressoché irrilevanti. A Palermo, invece, le query per attico in affitto toccano le 400 mensili, superando quelle per il monolocale. Anche qui, il canone mensile e i prezzi immobiliari fanno la differenza.

Cosa emerge a livello nazionale per le case in affitto in Italia

I dati delle ricerche online mostrano alcune certezze e possibili nuovi trend a livello nazionale. Il mercato immobiliare degli affitti è dominato dal monolocale, abitazione che si presta tanto a soggiorni temporanei quanto a permanenze più lunghe, ma poco indicato per la vendita.
In sempre più città il bilocale sta vedendo una crescita nelle ricerche online relative all’affitto. Un dato che deve far riflettere costruttori e agenzie immobiliari, perché mette in mostra una nuova tendenza. Il grande passo dell’acquisto immobiliare viene ritardato e si orienta verso tagli più grandi. Comprare un bilocale e inserirlo nel mercato degli affitti, dunque, può rappresentare un investimento immobiliare intelligente e lungimirante.


Condividi